F A N T A S C R I V E N D O 

è il sito dove fantasticareavventurarsi in narrazionitrovare i giusti attrezzi per scriverecreareraccontareillustrare 

vicendevolmente esperienze narrative e diverse opportunità.

Strategie espressive nella narrazione

fiore giallo
fiore giallo

Il narratore riporta nel corso della narrazione i pensieri e i discorsi dei personaggi impiegando alcune tecniche espressive.

Varie sono le modalità che vivacizzano una narrazione:

- il discorso diretto con il quale il narratore cede di fatto la parola al personaggio, introducendo semplicemente i suoi pensieri con un verbo dichiarativo;

- il discorso indiretto, in questo caso si limita a riportare indirettamente le parole del personaggio attraverso un verbo dichiarativo (dire, rispondere, chiedere, ecc.);

- il discorso indiretto libero, lo scrittore riporta i discorsi del personaggio sempre indirettamente ma utilizzando le medesime parole del personaggio, senza fare riferimento a nessun verbo dichiarativo (metà Ottocento);

- il discorso raccontato, il narratore riassume in modo generico il contenuto dei discorsi e dei pensieri dei suoi personaggi per comunicare solo le informazioni più importanti e non distrarre il lettore;

I pensieri dei personaggi possono essere anche trasposti anche attraverso altre tecniche espressive come il soliloquio e il monologo interiore. Per una veloce e efficace descrizione del fenomeno vi invito a vedere il video che ho appena pubblicato sul mio canale YouTube https://youtu.be/94tAhG4vTyE

Attività da realizzare con gli studenti

Nella classe reale o virtuale insieme ai vostri studenti individuate un certo numero di brani, assegnate a ogni gruppo di lavoro la predisposizione di una scheda informativa sui testi in questione con l'indicazione delle tipologie di strategie scelte dagli autori. Organizzate una discussione per individuare le tecniche maggiormente espressive a detta dei ragazzi.

Serene feste

Sono stata assente nell'ultimo periodo dell'anno ma gli articoli riprendono con il 2021. 

Non mi sono mai fermata e ho pensato ai miei studenti continuando a pubblicare video sul mio canale YouTube, implementando nuove risorse su Calameo, su Wakelet.

Insomma sono stata molto attiva in altri luoghi del Web.

Auguro di cuore a chi mi onora da sempre e mi segue fedelmente "Serene Feste", sperando di ritornare nel 2021 alle nostre abitudini quotidiane.

Vi aspetto qui con il nuovo anno!

 

#Prepariamoci al rientro in classe 4

Pellicola cinematografica
Pellicola cinematografica

Siamo giunti al post conclusivo della rubrica settimanale #Prepariamoci al rientro in classe. La nostra attenzione si concentrerà su Flipgrid e in modo particolare sulle importanti novità implementate durante l’estate.

Il primo cambiamento che balza agli occhi è costituito dalle discussioni, al posto delle grid, suddivise in topic e in gruppi. 

Che differenza c’è tra un topic e un gruppo?

Il topic è il focus di un’attività assegnata dal docente agli studenti, mentre il gruppo è un insieme di topic assemblati dal docente in un nuovo percorso.

La condivisione di queste attività o risorse non cambia, le modalità sono sempre le medesime: codice numerico, qr code o condivisione all’interno della classe virtuale.

L’aggiunta di un topic o la creazione di un gruppo è semplicissima ed è illustrata nel video presente sul mi canale YouTube.

Questo il link https://youtu.be/ij-YwIv7_5U

Un’altra utile funzionalità è rappresentata dalla possibilità di esportare i dati delle interazioni degli studenti e le valutazioni personali assegnate dal docente attraverso un file Excel a conclusione del percorso.

Docenti e studenti hanno a disposizione gli stessi strumenti per registrare un video. Particolarmente funzionale all’esposizione e/o riflessione su un determinato argomento è la possibilità di condividere il proprio schermo per dare maggiore risalto e evidenza all’itinerario didattico-educativo.

Infine ricordo l’aggiunta del filtro bricks e le potenzialità offerte dalla registrazione di un flipgrid direttamente all’interno di un wake.

#Prepariamoci al rientro in classe 3

Scrivania per progettare
Progettiamo

Per il nostro terzo appuntamento propongo un’attività di Mystery Skype.

Questa è una fra le cinque modalità di uso di Skype in the Classroom più amata dagli studenti.

Il suo successo è strettamente legato alla dimensione ludica che scatena l'entusiasmo e il coinvolgimento degli allievi. Gli insegnanti apprezzano questo percorso di apprendimento perché possono facilmente adattare il format a seconda della fascia d'età, lingua e materia.

Il mistero da sciogliere dovrà essere indovinato o ricostruito sulla base di una serie di indizi ricavati dalle risposte che saranno date dagli alunni reciprocamente.

Le tematiche affrontate potranno ad esempio riguardare la geolocalizzazione di una scuola, un quesito di tipo scientifico-matematico, il riconoscimento di una pianta o di un animale tipico di un’area geografica.

Una sessione di Mystery Skype costituisce un’ottima base di partenza per i docenti che, avendo concordato con un insegnante una futura collaborazione, decidono di far incontrare due classi o più classi per stabilire un iniziale contatto confidenziale.

Il docente dovrà trovare necessariamente un altro insegnante per gemellare la sua classe accedendo previa iscrizione gratuita al sito dedicato, completare il suo profilo e consultare l’area dedicata selezionando il filtro “Mystery Skype”.

Per l'iscrizione consulta il tutorial:

https://youtu.be/Frs4vNbPV1c

Il sito per effettuare l'iscrizione: https://education.skype.com/

A questo punto, scelta la classe, procederà mandando un invito all’insegnante.

Qui il tutorial per individuare un docente: https://youtu.be/HFVYs1uILSo

Nel frattempo preparerà adeguatamente l’evento aiutando gli studenti nella predisposizione di una lista di domande a seconda della disciplina e dell’argomento scelto.

Le domande dovranno essere formulate con un linguaggio semplice e prevedere una risposta di tipo dicotomico (vero o falso, sì o no) per la buona riuscita della sessione.

In questi due documenti trovi delle indicazioni per organizzare l'incontro:

https://sway.office.com/gkLZT2Ria2JzyCKS?ref=Link

https://sway.office.com/5kGBs2SAnHF5eQdR?ref=Link

Il docente avrà cura di adeguare l’ambiente classe all’attività spostando i banchi verso le pareti o disponendoli in modo tale da formare delle isole di apprendimento, osservando le indicazioni conseguenti al Covid-19. L’adeguatezza dello spazio dovrà essere verificata con una prova generale per constatare l’efficacia funzionalità. È consigliabile inoltre suddividere gli alunni, mantenendo la distanza adeguata in piccoli gruppi di lavoro.

 Se non avete a disposizione in classe una LIM per trasmettere l’evento, potete condividere il link della sessione con i vostri studenti. Dovranno semplicemente cliccare sul collegamento, senza la necessità di accedere, e indossare delle cuffiette per evitare il sovrapporsi delle voci.

Questa soluzione risulta maggiormente percorribile perché è in grado di favorire l’interazione vocale nel rispetto del distanziamento.

Con un documento condiviso e un veloce questionario con Microsoft Forms si decideranno i ruoli da ricoprire (ricercatori di notizie, speaker, fotografi, controllori e così via). Si suggerisce inoltre di tenere una checklist di controllo al fine di documentare l’esperienza e favorire l’alternanza dei ruoli per lo scambio e l'attivazione di competenze. Il documento di controllo potrà essere realizzato con la condivisione di un Wakelet a disposizione del docente e degli studenti.

Una sessione di Mystery Skype dura solitamente un’ora contribuendo attivamente allo sviluppo negli allievi del pensiero critico, della collaborazione, della creatività, di processi comunicativi efficaci.

Trasforma l’aula in un ambiente di apprendimento altamente inclusivo, nel quale ogni allievo è consapevole dell'efficacia del suo atto, che seppur semplice, è funzionale al successo dell'esperienza.

#Prepariamoci al rientro in classe 2

Attività di collaborazione
Collaborazione

ArcGIS StoryMaps è uno dei tool che ho avuto modo di sperimentare in questo periodo, di cui ho apprezzato le potenzialità in ambito didattico.

Naturalmente ho adoperato la versione gratuita. L'iscrizione è abbastanza semplice, prevede un doppio passaggio con una prima adesione attraverso l'inserimento della propria mail. Successivamente il sistema invia una conferma dell'avvenuta iscrizione con la richiesta di inserire una password per il completamento della procedura, cliccando sul link allegato e disponibile per 24 ore. 

A questo link trovate un mio video con le indicazioni per iscriversi:

https://youtu.be/R8p1sQrnBmc

Non dovete pensare che il tool sia adatto solamente per percorsi geografici, può essere utilizzato per predisporre delle attività a carattere storico ma anche letterario.

Dopo una sperimentazione in ambito geografico-economico per la rivalutazione di aree con enormi potenzialità, ho deciso di progettare un insieme di attività da sviluppare con gli studenti nel prossimo anno scolastico. L'idea è quella di affidare a ogni gruppo di lavoro (max cinque alunni) il compito di individuare i luoghi, nei quali sono ambientate le vicende del romanzo I Promessi Sposi, attraverso l'impiego della geolocalizzazione.

Gli allievi saranno invitati a ricercare nel Web immagini di pubblico dominio relative al romanzo e alle località teatro delle vicende.

Un esempio per tutti: le illustrazioni del castello dell'Innominato presenti nell'edizione dell'epoca del romanzo e la planimetria con le immagini dell'area in cui si trova la costruzione.

Gli spazi, le fotografie, la narrazione dei discenti con continui rimandi al romanzo saranno sistemati secondo il punto di vista e le intenzioni di ogni gruppo di lavoro in una storia (Stories).

Il video con le indicazioni per costruire una storia:

https://youtu.be/h9wh3d2JxnM

Questo tipo di lavoro mi consentirà come docente di valutare in modo oggettivo le storia realizzata da ogni allievo e la costruzione di una collezione (l'insieme delle storie del gruppo) in modo coerente con gli obiettivi prefissati.

Come assemblare una collezione:

https://youtu.be/m2H0eYVlsck

Qual è la finalità di una progettazione simile?

Sicuramente rendere accattivante la lettura e la riflessione su un romanzo storico scritto con un linguaggio lontano dalle modalità di comunicazione proprie dei nostri studenti.

Se avete apprezzato l'articolo e i video a corredo vi invito a effettuare l'iscrizione al mio canale YouTube.

Nell'attesa di ritrovarci qui la prossima settimana vi auguro di trascorrere un sereno Ferragosto.

Il link del sito di ArcGIS StoryMaps https://storymaps.arcgis.com/

#Prepariamoci al rientro in classe

L'apprendimento non si ferma
Rientro a scuola

Inizio una nuova rubrica settimanale.

Ogni martedì uscirà un nuovo articolo e mirerà a fornire dei suggerimenti per la ripresa delle lezioni in classe, seppure con le dovute distanze.

Cominciamo a sfatare l'impossibilità di effettuare il lavoro di gruppo. Infatti, osservando il criterio di creare dei gruppi eterogenei, gli allievi con i device potranno collaborare tra di loro attraverso la condivisione di documenti nel cloud. 

Le possibilità sono le più diverse: un testo in Word, una presentazione in PowerPoint, uno Sway, una sezione del blocco di OneNote e così via.

 

A parte il documento Sway, le altre modalità indicate consentono di inserire dei commenti a margine, in tempo reale, da parte del docente e degli studenti. Pertanto senza muoversi dal posto ogni discente potrà offrire il proprio contributo interagendo con i compagni.

E ora respingiamo una nuova obiezione... gli alunni non scriveranno più esercitando la loro manualità!

Sul tablet si può scrivere nel proprio quaderno virtuale con l'apposita penna e la propria grafia. 

Se in classe abbiamo a disposizione strumenti diversi è fattibile scrivere sul quaderno classico, scansionare la pagina, condividerla nel cloud con il docente. Quest'ultimo aprirà l'elaborato ad esempio con il browser Edge, provvederà a inserire gli opportuni suggerimenti e a ricondividere nel cloud il documento.

Storia e coding

Il coding si dimostra utile per creare delle storie animate su alcuni eventi storici.

Ecco un esempio sulla prima guerra mondiale realizzata da un gruppo di studentesse.

Hanno costruito dapprima lo storyboard, cercato nel web le immagini di pubblico dominio, preparato i contenuti per i balloon e successivamente si sono cimentate nel racconto.

Il progetto è visibile a questo link https://scratch.mit.edu/projects/148684338/

A questo link potete iscrivervi per sperimentare con i vostri studenti le opportunità didattiche:

https://scratch.mit.edu/

Riflessioni e risorse

Le mie risorse
Riflessioni e risorse

La didattica on line richiede competenza e capacità da parte dell'insegnante di predisporre e declinare risorse efficaci all'interno di una classe virtuale.

Ogni gruppo classe presenta bisogni e esigenze proprie. Una classe virtuale richiede strategie di dialogo empatiche differenti dalla comunicazione in presenza.
Il sistema di controllo deve assicurare la supervisione dei post e della presenza degli allievi. Deve essere possibile spedire dei messaggi indirizzati al docente ma non ai propri compagni.
E che dire del profilo... la foto del docente dovrà rispettare alcuni requisiti altrimenti non sorprendiamoci della scelta adottata dai nostri studenti.
Detto questo, concludo ricordando che da sempre le risorse preparate per i miei studenti sono reperibili in rete sul mio sito, su YouTube, sui miei profili sparsi dovunque senza restrizioni. 

 

 

Ecco qui alcuni link:

YouTube

https://www.youtube.com/channel/UCOWe7cbqo9sd1QCuvzVRe9w

Mappa mentale sulla sintassi della frase semplice

https://www.mindomo.com/mindmap/62f7ff3f78e47487dcd4a48ae1e689f9

Mappa sul genere Fantasy

https://www.mindomo.com/mindmap/864994bbce2a40538cbb3263f0517506

Raccolte di ogni genere su Calameo

https://ita.calameo.com/accounts/268191

 

Discorso diretto o indiretto, quale preferire?

Quando si predispone un discorso diretto le parole colpiscono immediatamente l’attenzione del lettore. Nel discorso diretto i personaggi di una storia esprimono le loro emozioni, raccontano i loro pensieri con grande vividezza.

Chi scrive spesso si serve del discorso indiretto per riportare le parole e i pensieri dei personaggi nelle parti descrittive e riassuntive di un testo.

Ma come si costruisce il discorso diretto o indiretto?

Guarda sul canale YouTube il video preparato per i miei studenti.

https://youtu.be/-eB-JlEeYM4